C'è Spazio | C’è Spazio quarta stagione – prima puntata
1087
page-template-default,page,page-id-1087,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,boxed,,qode_grid_1300,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

C’è Spazio quarta stagione – prima puntata

Gli scherzi della Premiata Ditta Guidoni Pinetti

C’è Spazio, il programma di Letizia Davoli dedicato alla divulgazione e all’approfondimento scientifico, giunto ormai alla quarta serie. Una nuova edizione che presenta diverse novità, a partire dai temi. Al centro delle nuove puntate infatti la Scienza di frontiera, e le grandi questioni insolute a cui deve rispondere la ricerca del terzo millennio. La prima puntata sarà dedicata alla Intelligenza Artificiale, sempre più presente nelle nostre vite, e alle implicazioni sociali ed etiche che gli scenari futuri – spesso inquietanti – della robotica portano con sé. In studio, insieme a Letizia Davoli e alla eccellenza della ricerca italiana ed internazionale, l’astronauta italiano Umberto Guidoni e lo youtuber Adrian Fartade. C’è Spazio è patrocinato dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA), da quella italiana (ASI), dall’Istituto Naziole di astrofisica (INAF) e dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN).

Amedeo Cesta
E’ Dirigente di Ricerca presso il CNR – Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione. Si occupa da sempre di Intelligenza Artificiale, in particolare di tecniche di pianificazione automatica e interazione uomo-robot. E’ stato dal 2013 al 2017 Presidente di AI*IA (l’Associazione Italiana per l’Intelligenza Artificiale) ne è tuttora uno dei vicepresidenti.

Padre Paolo Benanti

Padre Paolo Benanti

Si occupa di etica, bioetica ed etica delle tecnologie. In particolare i suoi studi si focalizzano sulla gestione dell’innovazione: internet e l’impatto del Digital Age, le biotecnologie per il miglioramento umano e la biosicurezza, le neuroscienze e le neurotecnologie.