C'è Spazio | C’è spazio per Dante
313
page-template-default,page,page-id-313,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,boxed,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

Massimo Arcangeli
Docente di Lettere presso l’Università di Cagliari Linguista, critico letterario e scrittore.

È componente del collegio di dottorato in linguistica Storica e Storia Linguistica Italiana dell’università La Sapienza di Roma. Collabora con con pubblicazioni e quotidiani (“La Stampa”, “Il Manifesto”, “L’Unità”, “Liberazione”, “L’Unione Sarda”). Conduce un programma di lingua e cultura italiana per RAI International. Ha coordinato il progetto PLIDA per la società Dante Alighieri.

Cosmologia

La provedenza, che cotanto assetta,

del suo lume fa ‘l ciel sempre quieto

nel qual si volge quel c’ha maggior fretta;

Sole e Stelle

Ma già volgeva il mio disio e ‘l velle,

sì come rota ch’igualmente è mossa,

l’amor che move il sole e l’altre stelle.

Lo bel pianeto

Lo bel pianeto che d’amar conforta

faceva tutto rider l’oriente,

velando i Pesci ch’erano in sua scorta.

Giove, o dolce stella

E se licito m’è, o sommo

che fusti in terra per noi crucifisso,

son li giusti occhi tuoi rivolti altrove?

Saturno ed Encelado

Noi sem levati al settimo splendore,
che sotto ‘l petto del Leone ardente
raggia mo misto giù del suo valore.

Pianeta Terra

Col viso ritornai per tutte quante 

le sette spere, e vidi questo globo 

tal, ch’io sorrisi del suo vil sembiante; 

BigBang and Inflation Theory

Per morder quella, in pena e in disio  

cinquemilia anni e più l’anima prima  

bramò colui che ‘l morso in sé punio.