C'è Spazio | Treknology
215
post-template-default,single,single-post,postid-215,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,qode-page-loading-effect-enabled,boxed,,qode_grid_1300,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

Treknology

Una puntata a cavallo tra presente e futuro, dove la fantascienza diventa realtà. Come faremo a colonizzare la Luna o a costruire laboratori su Marte? Riusciremo mai a costruire il teletrasporto? In 90 minuti “C’è Spazio” porta in studio le tecnologie del futuro, quelle immaginate da Star Trek e diventate realtà, e quelle che invece nemmeno la fantascienza avrebbe mai immaginato. “Treknology”, è un viaggio nel futuro dell’Uomo nello Spazio, senza perdere di vista il rapporto tra Uomo e Intelligenza Artificiale. Con Letizia Davoli, come sempre, il meglio  della ricerca internazionale: Tommaso Ghidini, Responsabile della sezione di Tecnologia dei Materiali dell’Agenzia Spaziale Europea, Danilo Rubini, Responsabile dell’Ufficio Tecnologie dell’Agenzia Spaziale Italiana, Riccardo Manzotti, Docente di psicologia della percezione artistica dello IULM di Milano, e di Marco Adami, Direttore Divisione Spazio e Innovazione Tecnologica AERO SEKUR. Il programma è realizzato con il patrocinio dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), Agenzia Spaziale Europea (ESA) e Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF).